EN IT

Da Duchamp a Cattelan.
Arte contemporanea sul Palatino

a cura di Alberto Fiz
28 giugno - 29 ottobre 2017
Foro Palatino, via di San Gregorio, 30 Roma

La Diagonale Palatina, ideata  nel 2016 da Mauro Staccioli per le Arcate Severiane del Palatino, viene presentata nella mostra Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea sul Palatino.

Il progetto che si svolge tra Stadio Palatino e peristilio inferiore della Domus Augustana, con le terrazze e le Arcate Severiane include 100 opere tra grandi installazioni, sculture, dipinti, fotografie e opere su carta di artisti internazionali, selezionate dalla collezione del museo ALT, creata dall’architetto Tullio Leggeri.

“Una mostra programmata dalla Soprintendenza prima dell’istituzione del Parco del Colosseo”, sottolinea il soprintendente Francesco Prosperetti, ”che oggi siamo in grado di aprire senza equivoci e fraintendimenti. L’ideazione è mia e di Alberto Fiz con cui ho il piacere di lavorare da anni. Il tema è quello di ridare vita attraverso il gesto vitale degli artisti a luoghi in cui la vita se ne è andata da tempo e che sono percepiti da chi li visita come luoghi in cui il tempo ha avuto una soluzione di continuità. Per riannodare il senso di una percezione vitale da parte di chi li visita è necessario un gesto che solo gli artisti possono restituire. Un punto d’incontro tra passato e contemporaneo che offre l’istallazione. La scelta fatta come Soprintendenza Speciale è quella di appoggiarsi ad istituzioni dell’arte: quest’anno il rapporto è con l’Associazione ALT – Arte Lavoro Territorio di Tullio Leggeri, uno dei più importanti e particolari collezionisti di arte contemporanea italiana”.

“Si tratta di un percorso che prosegue da quasi un anno insieme a Tullio” spiega il curatore Alberto Fiz “con il quale abbiamo studiato la miglior disposizione delle opere. Questa non è la scelta di una serie di opere da una collezione ma un vero progetto curatoriale con opere commissionate agli artisti, dalla Diagonale Palatina, di 24 metri, di Mauro Staccioli, all’Archipensiero di Gianni Pettena, al Tempio Capitolino con la lupa smunta che non riesce ad allattare Romolo e Remo. Sono tanti lavori realizzati specificamente per la mostra…”.
(Ilenia Maria Melis, Artribune, 15 giugno 2017)

Catalogo Electa