EN IT

Biennale di Venezia 1978

Venezia 78_1_a ©E.Cattaneo.jpg
Venezia 78_1_b ©E.Cattaneo.jpg
Venezia 78_1_c ©E.Cattaneo.jpg
Venezia 78_1_d ©E.Cattaneo.jpg
Venezia 78_1_e ©E.Cattaneo.jpg

Venezia 78_1_f.jpg
Venezia 78_1_g.jpg
Venezia 78_1_h.1.jpg
Venezia 78_2_a_lucido.jpg
Venezia 78_2_b ftm2.jpg

Venezia 78_2_cftm1.jpg
Venezia 78_2_d .jpg
Venezia 78_2_e.jpg
Venezia 78_2_f.jpg
Venezia 78_2_g_lucido.jpg

Venezia 78_2_h.jpg
Venezia 78_2_i.jpg
Venezia 78_2_j.jpg
Venezia 78_2_l.jpg
Venezia 78_2_m.jpg

Venezia 78_2_n.jpg
Venezia 78_2_o_lucido.jpg
Venezia 78_2_p.jpg
Venezia 78_2_q.jpg
Venezia 78_2_r.jpg

Venezia 78_2_s.jpg
Venezia 78_2_t.jpg
Venezia 78_2_u.jpg
Venezia 78_2_v.jpg
Venezia 78_2_w_lucido.jpg

Venezia 78_2_x.jpg
Venezia 78_2_y.jpg

Muro
cemento 800x800x120 cm
Dalla natura all’arte, dall’arte alla natura. Natura praticata. Ambiente/Intervento
XXXVIII Biennale Internazionale d’arte, Venezia, 1978

“…a Venezia in occasione della XXXVIII Biennale quando, dopo alcune ipotesi che prevedevano il posizionamento di simili forme triangolari, Staccioli arriverà a definire una struttura che porterà alle estreme conseguenze questa idea di ostruzione del passaggio. L’intervento scultoreo realizzato per Venezia materializza un’idea, dà forma al pensiero che è il tema della rassegna: Dalla Natura all’Arte, dall’Arte alla natura. La sezione italiana sviluppa il tema in tre sezioni; Staccioli viene invitato a lavorare nella sezione Natura praticata. Per lui praticare la natura è il fondamento del lavoro, la condizione essenziale per realizzarlo. Ma per praticare la natura è necessario cambiare il punto di vista, “deviare dal sentiero” per approfondire gli aspetti nascosti. L’artista costruisce un muro di 64 metri quadrati in mattoni e cemento, che blocca il viale d’ingresso ai Giardini. Un muro nel quale «l’uso dei materiali semplici esalta l’edificazione, il senso del lavoro manuale, connotato precipuo della scultura», che si impone con la sua robusta mole e costringe a «compiere la fatica necessaria al superamento di un ostacolo per godere della fruizione dell’oggetto d’interesse ludico-culturale: la celebrazione dell’evento artistico». Dall’altra parte impedisce l’uscita e la prospettiva verso la laguna.
Il muro diventa ben presto l’immagine simbolo della chiacchierata edizione del 1978.”
Simona Santini, Mauro Staccioli. Gli anni di cemento 1968-1982, Edizioni Il Ponte, Firenze 2012, p.225